solvibilità

La solvibilità è determinata dalla capacità di far fronte ai futuri pagamenti del debito

La solvibilità è utilizzata come indicatore nel bilancio di un'entità. Può provenire da una società, una persona giuridica o una persona fisica. Cerca di definire la capacità economica che si ha per far fronte agli obblighi economici. Per scoprire che capacità hai, cerchi una relazione che determini quanti asset hai in relazione alle passività. Questa relazione implica la divisione delle attività totali possedute in relazione all'asset.

Da non confondere con il rapporto tra autonomia finanziaria o disponibilità di liquidità. Solvibilità persegue la capacità di affrontare il futuro pagamenti mentre il rapporto di autonomia finanziaria persegue la capacità di una società o di una persona di contrarre prestiti. D'altra parte, la liquidità non è un rapporto che proviene da qualche parte, ma comunemente, avere denaro è spesso confuso con l'essere solvibile. Pertanto, la solvibilità è un buon indicatore per analizzare finanziariamente o finanziariamente un'azienda. Per capirlo più da vicino, questo articolo ruoterà attorno alla solvibilità e spiegherà come calcolarla e come interpretare questo indicatore.

Come viene calcolata la solvibilità

Il coefficiente di solvibilità si ottiene dividendo le attività per le passività

Il calcolo che deve essere fatto per determinare il livello di solvibilità di un'azienda è abbastanza semplice. Da un lato, devi sommare tutte le attività e quindi dividere quel valore per la somma di tutte le passività. Vediamolo meglio con un esempio:

  • Patrimonio: totale di 350.000 euro.
  • Passività: Totale di 200.000 euro.
  • Attività / Passività: 1.75 di livello di solvibilità.

Come puoi vedere, ottenere questo indicatore è qualcosa di semplice, tuttavia è importante determinare quale livello di solvibilità è adeguato. Che sia per le tue finanze personali, se sei titolare di un'azienda, oppure sei un investitore interessato a riporre la tua fiducia e vuoi avere una variabile di analisi affidabile e oggettiva.

Come interpretare l'affidabilità creditizia di un investimento

Viviamo in un mondo altamente competitivo in cui nessuno vuole essere lasciato indietro. Ci sono aziende che arrivano a produrre profitti sufficienti per non dover prendere in prestito o farlo minimamente. Tuttavia, il caso della maggior parte delle aziende spinge a fare nuovi investimenti, chiedendo spesso nuovi prestiti, ed è qui che l'indice di solvibilità può indicare a quale livello è possibile prendere in prestito. Come dati, queste informazioni possono sempre essere accompagnate dal rapporto di autonomia finanziaria di cui abbiamo discusso in precedenza.

Quali livelli sono adatti

Essere solvibile non è la stessa cosa che avere liquidità

Una società con un rapporto inferiore a 1.75 che abbiamo fornito nell'esempio precedente, ad esempio con 1.2, significherebbe che il suo livello di solvibilità è inferiore. In altre parole, la loro capacità di acquisire nuovi crediti, o creare nuove infrastrutture, pagare più stipendi, ecc., Sarebbe più limitata. Possiamo definirlo ed è ampiamente accettato un livello adeguato di solvibilità sarebbe da 1.5. Qualunque cosa inferiore a 1.5 sarebbe una solvibilità più debole, e più bassa sarebbe maggiore sarebbe.

Tuttavia, non tutte le industrie si muovono allo stesso modo, e ci sono alcune in cui i livelli del debito tendono ad essere più bassi e altre più alte (come il mondo delle costruzioni, per esempio).

Come tenere conto della storia del livello di solvibilità di un'azienda

Un coefficiente di solvibilità accompagnato dai coefficienti degli anni precedenti può servire da guida per gli investimenti. È abbastanza utilizzato nell'analisi fondamentale, e un livello di solvibilità determinato e sostenuto nel tempo può essere interpretato in vari modi.

Nel caso in cui l'azienda continui a crescere, cioè il suo patrimonio netto aumenta costantemente nel tempo e mantiene anche il suo livello di solvibilità è un buon segno. Può essere, tra gli altri fattori, che il team di gestione abbia definito una buona strategia e mantenga un bilancio molto stabile negli anni.

Il rapporto ottimale di autonomia finanziaria è 0 o superiore
Articolo correlato:
Rapporto di autonomia finanziaria

Se, al contrario, la tua solvibilità viene mantenuta, tuttavia, il tuo patrimonio netto diminuisce, è possibile che anche le tue azioni diminuiscano. In caso contrario, e le tue azioni resistono, gli investitori potrebbero non aver notato la perdita di valore o potrebbero esserci altri piani strategici. Questo punto deve essere indagato da solo, ogni azienda un mondo (come dico di solito).

D'altra parte, è inutile dirlo una continua perdita del livello di solvibilità in un'azienda non è un buon segno, soprattutto se è sostenuto, o che un aumento costante è una buona cosa. Devi assicurarti che l'azienda utilizzi queste risorse, cioè vuole continuare a crescere. Lo scenario ideale (o almeno uno di essi) sarebbe vedere un'azienda con livelli di solvibilità crescenti, che potrebbero eventualmente diminuire con l'espansione, e poi continuare a recuperare i livelli di solvibilità, e così via.

Insolvenza

Esistono due tipi di insolvenza, flusso di cassa e bilancio.

Questo terreno paludoso è dove nessuno vorrebbe arrivare, noto anche come fallimento o fallimento. L'insolvenza è l'opposto della solvibilità, l'incapacità di far fronte ai pagamenti del denaro dovuto. esistere due tipi di insolvenza, cassa / flusso di cassa e bilancio.

Insolvenza del flusso di cassa o contanti è quando una società o una persona non ha liquidità per far fronte a pagamenti futuri, ma se disponi di risorse sufficienti. Questa situazione viene normalmente risolta negoziando con il creditore le modalità di pagamento. Di solito il debitore ha cose di valore, come proprietà, macchine, un'auto, ecc. E il creditore può attendere per ricevere i pagamenti. Questo ritardo è solitamente in qualche modo penalizzato, quindi può comportare una multa o simili, oltre al pagamento finale del debito.

Insolvenza di bilancio si verifica quando tutto il patrimonio di un'azienda è addirittura insufficiente per affrontare il pagamento finale del debito. Normalmente, questa situazione è contemplata prima che avvenga il pagamento successivo, in cui è già previsto che non ci sarà modo di pagare i pagamenti successivi o mantenere alcun tipo di attività. Prima che si verifichi questa situazione, di solito si decide di mantenere l'attività (per i benefici che porta). Infine, sia il creditore che il debitore possono negoziare questa situazione e accettare una piccola perdita, oppure negoziare un nuovo debito o una forma di pagamento che consenta loro di mantenere l'attività.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.