rapporto di garanzia

Il rapporto di garanzia viene utilizzato per sapere quanto è vicina un'azienda al fallimento

Come tutti sappiamo, investire in società può essere molto redditizio, ma anche piuttosto rischioso. Ecco perché è fondamentale saper analizzare un'azienda e saper interpretare i numeri. Un buon aiuto per questo compito è il rapporto di garanzia, attraverso il quale sapremo quanto un'azienda è vicina al fallimento.

Se non sei completamente chiaro su quale sia questo concetto, non preoccuparti. In questo articolo spieghiamo qual è il rapporto di garanzia, come viene calcolato e qual è il modo corretto di interpretarlo.

Qual è il rapporto di garanzia?

Per conoscere il rapporto di garanzia di un'azienda, le sue attività reali sono divise per le sue passività esigibili.

Prima di spiegare esattamente cos'è un coefficiente di garanzia, noto anche come coefficiente di garanzia, chiariamo innanzitutto cosa significa "rapporto" in economia. È una relazione quantitativa che esiste tra due diversi fenomeni e che riflette una situazione specifica per quanto riguarda il livello degli investitori, la redditività, ecc. I rapporti sono ampiamente utilizzati nel mondo della finanza e sono essenziali per chiarire idee e prendere decisioni.

Per quanto riguarda il coefficiente di garanzia, questa è fondamentalmente una metrica che viene utilizzata per scoprire qual è il rischio di fallimento che ha una specifica azienda. Più avanti discuteremo esattamente come calcolarlo, ma per ora possiamo restare con l'idea che viene utilizzata una formula che mette in relazione il debito dell'azienda con il suo patrimonio. Di seguito commenteremo le chiavi del rapporto di garanzia e l'applicazione che ha nell'ambiente aziendale.

Come abbiamo già accennato in precedenza, il coefficiente di garanzia riflette quanto lontano o quanto è vicina un'azienda al fallimento tecnico. Perciò, Analizzare la solvibilità di un'azienda. Per poter analizzare la sua situazione finanziaria, questo rapporto confronta le passività dovute con le attività reali dell'azienda. Ma quali sono questi concetti? Ebbene, i veri asset della società sono quelli che avrebbero un valore reale in caso di liquidazione. Per quanto riguarda le passività, è fondamentalmente l'indebitamento che l'azienda sostiene.

qual è la risorsa
Articolo correlato:
Cosa sono le attività e le passività

Se si verificasse il caso di fallimento, il rapporto di garanzia può dirci se l'azienda sarebbe in grado di far fronte al debito che ha. Per fare questo, ovviamente, avrebbe dovuto vendere i suoi beni. Affinché, questo indicatore è sia un riferimento interno che esterno. Interno, perché rispecchia la situazione dell'azienda agli occhi dei suoi amministratori. Esterno, perché riflette il rischio assunto da ipotetici investitori.

Come viene calcolato il rapporto di garanzia?

Ora che sappiamo qual è il rapporto di garanzia, spiegheremo come calcolarlo. La formula corretta per questo compito è la divisione delle attività reali dell'azienda tra le passività dovute. Tale indebitamento comprende anche quei debiti che l'impresa può avere con i fornitori, con il Tesoro, con le banche o con qualsiasi altro tipo di creditore. Quindi, la formula sarebbe la seguente:

Indice di garanzia = Attività reali della società / Passività richieste (indebitamento)

Per chiarire, useremo un'azienda di trasporti come esempio. I veri asset, cioè quei beni che potrebbero essere ceduti in caso di liquidazione, sono costituiti da quattro furgoni e da un magazzino logistico. In totale hanno un valore di 2,4 milioni di euro. Quanto ai debiti, questa società deve 850mila euro a vari creditori e 140mila euro al Tesoro. La passività totale esigibile sarebbe quindi di 990 mila euro. Con questi numeri applicheremo la formula:

Indice di garanzia = 2.400.000 / 990.000 = 2,42

Pertanto, il rapporto di garanzia di questa compagnia di trasporti è 2,42. E cosa ci dice questo numero? Secondo le tradizionali metriche aziendali, affinché una situazione sia considerata normale, il rapporto di garanzia deve essere compreso tra 1,5 e 2,5. Questo è il caso dell'azienda che abbiamo dato come esempio. Ma cosa succede se il rapporto è al di sotto o al di sopra di questi livelli? Lo commenteremo di seguito.

Interpretazione

Il tasso di garanzia normale di un'azienda è compreso tra 1,5 e 2,5

Sappiamo già come calcolare il rapporto di garanzia e quali sono i valori considerati normali per un'azienda. Tuttavia, si possono riscontrare casi in cui il coefficiente di garanzia è inferiore o superiore a livelli normali. Come si interpreta in quei casi?

Se dopo aver eseguito correttamente il calcolo, il rapporto di garanzia di un'azienda è inferiore a 1,5, è un brutto segno. Ciò significa che la società in questione sta per fallire. Quindi più basso è il rapporto di garanzia, maggiore è il rischio che l'azienda ha. Quello che succede in questi casi è che la vendita dei beni dell'azienda non sarà sufficiente a coprire tutte le passività esigibili, cioè tutti i debiti che l'azienda ha.

Facciamo un esempio per un rapporto di garanzia al di sotto del normale. Diciamo che un'azienda ha un patrimonio il cui valore è di 56 milioni di euro. Tuttavia, ha debiti esigibili per un totale di 67 milioni di euro. Se applichiamo la formula (rapporto di garanzia = 56 milioni / 67 milioni), troveremo che il rapporto di garanzia è 0,84. Come è ovvio solo guardando il valore dei suoi beni e il debito che l'azienda ha accumulato, solo con la vendita di quei beni non potrebbe risolvere i suoi debiti.

Potrebbe verificarsi anche il caso opposto: una società il cui rapporto di garanzia è maggiore di 2,5. Quando il coefficiente è così alto, non significa che la situazione dell'azienda sia sana. È più: Quando il coefficiente di garanzia è molto elevato, significa che l'azienda in questione non utilizza finanziamenti esterni sufficienti. Questo fatto può impedire all'azienda di intraprendere determinati investimenti, detraendo interessi sul debito o distribuendo dividendi, poiché sacrifica una parte importante del profitto da investire.

Ora che sappiamo qual è il rapporto di garanzia, qual è la sua formula e come interpretarlo, sarà di grande aiuto nella ricerca di aziende per investimenti futuri. Ricordati che È molto importante fare una buona analisi prima di prendere una decisione.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.