rapporto di fermezza

Nel mondo finanziario, i rapporti sono molto importanti per l'analisi aziendale

Il mondo della finanza è molto vasto, non è un mistero. Ci sono molti prodotti finanziari alla nostra portata, varie strategie di investimento, un numero infinito di concetti diversi e una moltitudine di possibilità. Per muoversi meglio in questo mondo ed essere in grado di prendere decisioni più appropriate, i rapporti sono essenziali. Ci sono molti tipi diversi, ma in questo articolo parleremo del rapporto di fermezza.

Qual è questo rapporto? Cosa serve? Come si calcola? Risponderemo a tutte queste domande e spiegheremo come interpretare il risultato della formula. Se sei interessato al rapporto di fermezza, ti consiglio di continuare a leggere.

Qual è il rapporto di fermezza?

Il coefficiente di fermezza è interpretato come la garanzia o la sicurezza che un'azienda offre ai suoi creditori a lungo termine.

Nel mondo finanziario, i rapporti sono elementi molto importanti. Conosciuto anche come rapporti finanziari e Sono fondamentalmente rapporti che consentono di confrontare la situazione finanziaria di un'azienda con valori medi o ottimali del settore.. Vale a dire: I rapporti sono una frazione in cui denominatore e numeratore sono voci contabili che si ottengono dai conti annuali delle società.

Ci sono molti diversi tipi di rapporti, come il rapporto di garanzia o rapporto di disponibilità. Ognuno ci fornisce informazioni su un aspetto specifico dell'azienda che ci interessa. L'obiettivo finale dei rapporti è quello di fornirci informazioni sulla situazione finanziaria di un'azienda, che ci aiuterà a prendere decisioni, sia come imprenditori, uomini d'affari o come investitori. Ma quello che ci interessa per questo articolo è il rapporto di fermezza, noto anche come rapporto di consistenza.

L'obiettivo di questo rapporto è quello di misurare la relazione tra le passività richieste e le immobilizzazioni di un'impresa nel lungo termine. Cosa riflette esattamente questo? Anche, il grado di fermezza è interpretato come la garanzia o garanzia che detta società offre ai suoi creditori a lungo termine. In questo caso, l'importanza risiede principalmente nel fatto che le immobilizzazioni della società sono finanziate a lungo termine. In conclusione: il coefficiente di fermezza ci dice in quale misura o entità vengono finanziate le immobilizzazioni di un'azienda. E grazie a queste informazioni potremo conoscere la solvibilità di una società con i suoi creditori.

Come si calcola il rapporto di fermezza?

Per calcolare il coefficiente di fermezza dobbiamo sapere quali sono le immobilizzazioni e le passività a lungo termine

Ora che sappiamo qual è il rapporto di fermezza, vediamo come viene calcolato. La formula è abbastanza semplice, Ebbene, avremo solo bisogno di conoscere due informazioni per poterlo realizzare: immobilizzazioni e passività esigibili, ovviamente a lungo termine.

  1. Beni immobili o immobilizzati: Sono tutti quegli elementi che finiranno per trasformarsi in denaro dopo un lungo periodo di tempo. In generale, l'immobilizzazione è quella che finanzierà la passività fissa.
  2. Passività a lungo termine: Questo è costituito da tutti quei debiti che la società in questione ha la cui scadenza è a lungo termine, in particolare superiore a 365 giorni.

Avendo una migliore comprensione dei concetti necessari per questo rapporto e conoscendo i dati di cui abbiamo bisogno per calcolarlo, presenteremo la formula:

Rapporto di solidità = Totale immobilizzazioni / Passività a lungo termine

Interpretazione del risultato

Una volta che avremo i dati necessari e avremo applicato la formula, otterremo come risultato un piccolo numero, ma cosa significa? Vediamo quali sono i barometri stabiliti per l'interpretazione del rapporto di fermezza:

  • Uguale a 2: Quando il risultato è pari a 2, o almeno molto vicino, ciò riflette che la società in questione finanzia il 50% delle proprie attività fisse o fisse attraverso passività a lungo termine. Il restante 50% è invece finanziato con risorse proprie, purché maggiori o almeno pari alla passività a lungo termine.
  • Maggiore di 2: La maggior parte, cioè più del 50% del patrimonio fisso o immobilizzato, è finanziata con risorse proprie della società. Va tenuto conto che, in questo caso, devono essere maggiori della passività a lungo termine e che non possono essere finanziati con la passività a breve termine. Può anche indicare che la maggior parte delle immobilizzazioni o delle immobilizzazioni viene finanziata con passività a breve termine, che di solito si verifica quando le risorse proprie dell'azienda sono inferiori alle passività a lungo termine. Ciò potrebbe causare una sospensione tecnica del pagamento.
  • Inferiore a 2: Quando il coefficiente di fermezza è inferiore a 2, indica una minore garanzia o sicurezza dell'azienda ai creditori a lungo termine. Pertanto, è meglio se il risultato è il più vicino possibile a 2.

A cosa serve il rapporto di fermezza?

Il coefficiente di fermezza aiuta a misurare se un'azienda ha o potrebbe avere problemi quando si tratta di gestire i suoi pagamenti

In conclusione, il rapporto di fermezza, come gli altri tipi di rapporti di solvibilità, Soddisfa l'obiettivo di misurare se un'azienda ha o potrebbe avere problemi quando si tratta di far fronte ai propri pagamenti e obblighi nei confronti dei creditori. Ovviamente, più equilibrata è l'azienda in questione, migliori saranno i suoi rapporti. Di conseguenza, gli investitori, siano essi acquirenti di azioni sul mercato azionario o delle loro obbligazioni, si sentiranno più sicuri.

Anche se è vero che i rapporti di un'azienda ci danno molte informazioni a riguardo, il meglio che possiamo fare è confrontarlo con altre aziende dello stesso settore per avere un'idea migliore. In questo modo possiamo scoprire quale azienda si trova in una situazione migliore, tenendo conto non solo del rapporto di solidità, ma anche di altri rapporti che ci aiuteranno a vedere meglio qual è la situazione finanziaria dell'azienda.

Inoltre, è anche altamente raccomandato da vedere come si evolvono trimestralmente i rapporti delle aziende. In questo modo possiamo sapere se stanno gestendo bene l'azienda o meno. Se stai andando d'accordo, i rapporti ottenuti dovrebbero essere sempre migliori rispetto alla stessa azienda e anche ai suoi concorrenti.

Ogni volta che vogliamo indagare su aziende di un settore specifico per investire in esse, è essenziale condurre un'analisi completa ed effettuare confronti per raccogliere tutti i dati importanti e prendere una decisione migliore. Ora che sappiamo come calcolare il rapporto di fermezza, abbiamo un altro piccolo aiuto per svolgere questo compito.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.