Utilizzo e gestione del rapporto debito / PIL

rapporti di indebitamento

Nel sistema economico che prevale oggi, ci sono un gran numero di strumenti e strumenti per intraprendere tutti i tipi di imprese e investimenti in tutto il mondo. Tuttavia, crescere da una piccola impresa, per garantire la salvaguardia di un'azienda già consolidata, È estremamente importante che impariamo a gestire perfettamente alcuni di questi strumenti, in modo che ci consentano di garantire il funzionamento ottimale della nostra azienda e attività.

Per le persone che conoscono l'argomento, nessuno mancherà di raccomandare a cui prestiamo particolare attenzione la gestione del rapporto debito / PIL, una conoscenza indispensabile per portare avanti qualsiasi iniziativa imprenditoriale.

Qual è il rapporto debito / PIL?

Il rapporto debito / PIL è uno dei rapporti di finanziamento più utilizzati oggi. Il motivo è che è uno degli strumenti che consentono di ottenere informazioni molto importanti per misurare e calibrare la salute finanziaria di un'azienda. Fondamentalmente il file rapporto debito ci permette di misurare la leva finanziaria, ovvero l'ammontare massimo di debito che una data azienda può gestire. In un certo senso, il rapporto finanziario indica il finanziamento esterno di cui dispone l'azienda.

Per una migliore idea di cosa implica il rapporto debito / PIL, si deve tener conto che mentre l'indebitamento è misurato, per così dire, in base alla dipendenza dell'azienda da terzi, il rapporto debito / PIL viene utilizzato per specificare in quale misura o misura l'azienda dipende dai vari enti finanziatori, quali come istituti bancari, gruppi di azionisti o anche altre società.

Un altro modo per comprendere questo concetto finanziario è dalla seguente spiegazione.

Per prima cosa devi prendere in considerazione il significato di alcuni concetti essenziali, come ad esempio: attività, passività o capitale proprio.

Le risorse sono il valore totale di tutto ciò che è posseduto da un'azienda o da una partnership commerciale; In altre parole, è il valore massimo che l'azienda può avere attraverso i molteplici asset e diritti che possiede, che ovviamente possono essere convertiti in denaro o altri mezzi equivalenti che forniscono liquidità per l'azienda. Le passività, invece, rappresentano tutte le risorse esterne ottenibili attraverso varie istanze, ovvero il loro finanziamento.

In questo modo, si può affermare che mentre le passività comprendono attività e diritti finanziari, le passività sono costituite da obbligazioni creditizie, cioè debiti e pagamenti che devono essere effettuati, sia per prestiti acquisiti con istituti bancari sia per acquisti effettuati a credito. con i vari fornitori.

rapporti

Insomma, la responsabilità rappresenta tutto ciò che l'azienda deve a terzi, quali banche, tasse, stipendi, fornitori, ecc. L'ultimo che abbiamo il patrimonio netto dell'azienda, che, come suggerisce il nome, sono tutte le risorse nette che l'azienda ha, mettendo da parte il costo delle passività, cioè, sono i beni togliendo il valore di tutti i debiti che devono essere pagati, per i quali il patrimonio netto di un'azienda si ottiene sottraendo le passività dalle attività. Ad esempio, se un'azienda ha un'attività del valore di 10 milioni di euro, ma le sue passività sono accumulate a circa due milioni di euro, si può dedurre che il suo patrimonio netto è di 8 milioni di euro.

Una volta che conosciamo alcune definizioni essenziali intorno a rapporto debito, Successivamente, possiamo già tener conto che nella maggior parte dei casi molte aziende gestiscono fonti di finanziamento esterne, cioè utilizzano prestiti e crediti quando sono in periodi di crescita esponenziale o quando gestiscono una grande diversificazione di imprese, ad esempio: finanziare investimenti o coprire i pagamenti di alcune spese correnti; motivo per cui devono fare affidamento su debiti con vari istituti finanziari, fornitori e altre società.

Così, il rapporto debito / PIL può essere inteso come la differenza tra finanziamento esterno e risorse proprie dell'azienda, in modo che sia possibile sapere se il debito contratto con l'azienda può essere sostenuto con le risorse di cui dispone. Quando viene rilevato che l'azienda non ha più i mezzi per risolvere un certo debito, allora sceglie di abbandonare questo metodo di finanziamento, per evitare di avere problemi con i pagamenti futuri che devono essere effettuati. È così che il rapporto debito / PIL può essere uno strumento molto utile, che se utilizzato in modo responsabile e disciplinato, serve ad evitare disastri finanziari che possono causare la scomparsa totale di un'azienda o di un'azienda.

Come viene interpretato il rapporto debito / PIL?

Quando si fa uso di questo strumento finanziario, dobbiamo ricordare che questo ci dice quanti euro di finanziamento esterno ha l'azienda per ogni euro di capitale devi adempiere ai tuoi vari obblighi finanziari. In altre parole, indica la percentuale dell'importo totale dei debiti dell'azienda, in relazione alle risorse di cui dispone per saldare i rispettivi pagamenti.

In questo modo, se lo abbiamo un rapporto debito / PIL di 0.50, indica che le risorse esterne, ovvero il finanziamento tramite prestiti e crediti, costituiscono il 50% delle risorse proprie dell'azienda. In altre parole, se il rapporto debito / PIL è 0.50 significa che per ogni 50 euro di finanziamento esterno l'azienda dispone di circa 100 euro di risorse proprie.

In pratica, i valori ottimali del rapporto debito / PIL Dipendono molto dal tipo di azienda, dall'ideologia finanziaria che gestisce, dalle sue dimensioni e dalle risorse complessive di cui dispone per far fronte a qualsiasi tipo di evenienza. Tuttavia, di solito il criterio generalmente accettato per un rapporto debito / PIL ottimale è compreso tra 0.40 e 0.60. In questo modo, il più raccomandato dagli specialisti finanziari è che i debiti delle imprese rappresentano tra il 40% e il 60% di ciò che rappresentano le risorse proprie totali. A tal proposito, si considera che un rapporto di indebitamento maggiore di 0.60 implica che l'azienda sia eccessivamente indebitata, mentre uno inferiore a 0.40 implica che l'azienda abbia troppe risorse che non vengono utilizzate adeguatamente per un'eventuale espansione.

Come si ottiene il rapporto debito / PIL?

Il rapporto debito / PIL può essere calcolato dalla somma di tutti i debiti contratti, sia a breve che a lungo termine. Una volta ottenuti questi dati, viene diviso per la passività totale, che si ottiene sommando il patrimonio netto più le passività correnti e non correnti (noto anche come patrimonio netto). Successivamente il risultato va moltiplicato per cento, per ottenere in questo modo la percentuale del rapporto di indebitamento con cui l'azienda ha. La formula per eseguire questo calcolo è la seguente:

rapporto debito

Rapporto debito / PIL a breve e lungo termine

Fondamentalmente ci sono due principali formule del rapporto debito / PIL, che vengono utilizzati a seconda della tempistica del debito che l'azienda ha. Il primo è quello dei fondi esteri o del debito a breve termine (RECP). L'altro è quello dei fondi esterni o dell'indebitamento a lungo termine (RELP).

Il RECP è un metodo responsabile della misurazione dei debiti a breve termine o delle passività correnti, che sono divisi per il patrimonio netto. D'altra parte, il rapporto debito / PIL a lungo termine si ottiene dividendo i debiti o le passività correnti acquisite a lungo termine per il patrimonio netto.

formula del rapporto debito / PIL

approvazione formula lungo rapporto

Solitamente, la strategia utilizzata da molte aziende è quella del finanziamento esterno a lungo termine, poiché questa modalità consente loro di affrontare il debito in un periodo di tempo più lungo, e quindi di estendere i termini che hanno per generare maggiore produttività e adempiere senza problemi con gli impegni economici acquisiti.

Conclusione

Proprio come abbiamo visto in questo articolo, l'indice di indebitamento di un'impresa corrisponde ad un ottimo strumento finanziario, che lo gestisce in modo corretto e responsabile, può rappresentare uno strumento ideale per la gestione economica e la solvibilità finanziaria di un'azienda nel tempo. Ci consente inoltre di ottenere risorse sotto forma di crediti e prestiti finanziari a lungo termine, da vari istituti finanziari, per far crescere rapidamente quelle attività con un potenziale sufficiente, e avendo sempre la tranquillità che i pagamenti e le fatture di tali debiti possono essere Senza alcun problema, perché per noi è proprio questo il compito di tenere traccia del rapporto debito / PIL che ha la nostra azienda o impresa.

In poche parole, è un file metodo per avere il controllo su prestiti, crediti e debiti, come risorse risolvibili in un certo tempo, che ci permette di sviluppare il business senza l'ostacolo della mancanza di finanziamenti, e avendo la certezza che tutti gli impegni economici acquisiti possano essere coperti, senza contrattempi che possano inficiare la stabilità o finanziaria salute dell'azienda.


Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.