Pressione per un calo dei tassi di interesse negli Stati Uniti

Questa settimana ci sarà un tanto atteso incontro presso la Federal Reserve (FED) degli Stati Uniti in cui i tassi di interesse potranno essere abbassati. Questa è almeno l'intenzione dell'attuale presidente degli Stati Uniti. Donald Trump chi sta spingendo per l'attuazione di questa misura. In un momento in cui le nuvole scure incombono sull'economia internazionale e nonostante il buon andamento dell'economia negli Stati Uniti. In ogni caso, alla fine della settimana ci sarà una decisione, in un modo o nell'altro.

Sarà una determinazione che avrà un impatto diretto sui mercati azionari. Sia da una parte che dall'altra dell'Atlantico e di cui saranno in attesa migliaia e migliaia di piccoli e medi investitori. Al fine di prendere una decisione sull'opportunità o meno posizioni aperte o chiuse nei diversi mercati azionari. Proprio in un momento in cui le azioni di tutto il mondo possono cambiare il loro trend attuale. Con cui sarà necessario cambiare strategia di investimento per ottimizzare le operazioni.

D'altra parte, va notato che anche questa decisione della Federal Reserve degli Stati Uniti (FED) potrebbe influenzare politiche monetarie nella zona euro. Sebbene in questo senso, hanno già indicato che i tassi di interesse non cambieranno, almeno fino alla prima metà del prossimo anno. A causa delle scarse prospettive di crescita economica nella zona euro per i prossimi anni. Dove il prezzo del denaro è ai livelli più bassi degli ultimi anni, precisamente allo 0%. Vale a dire, i soldi non valgono nulla e questo è qualcosa che ha anche un impatto sui valori delle azioni.

Aumento dei tassi negli Stati Uniti

In questo senso, va ricordato che gli Stati Uniti hanno alzato i tassi di interesse di 0,25 punti, dal 2% al 2,25% ogni anno in cui ti trovi attualmente. I tassi di interesse sono uno degli strumenti più potenti che le banche centrali hanno nelle loro mani per attuare la loro politica monetaria. Tra le altre ragioni, perché un aumento dei tassi di interesse serve a contenere l'inflazione e proteggere la valuta, tra le altre funzioni. Da qui l'importanza della misura che la Federal Reserve degli Stati Uniti può adottare questa settimana.

Non si può dimenticare che questa variazione è la prima che si è verificata dal 27 settembre 2018, quando la Banca Centrale ha alzato i tassi di interesse di 0,25 punti, raggiungendo livelli del 2%. Se la calo dei tassi di interesse potrebbe essere portato a un'intensità di un quarto di punto per tornare ai livelli del 2%. Non sono previsti tagli di maggiore intensità in quanto potrebbero essere accolti molto male dai piccoli e medi investitori. Soprattutto perché indicherebbe che la recessione potrebbe essere più virulenta di quanto previsto dagli analisti finanziari.

Come influenzerà il mercato azionario?

Uno dei fattori che maggiormente preoccupano i piccoli e medi investitori è l'impatto di questa misura monetaria sui mercati azionari. In questo senso, tutto sembra indicare che non avrà un effetto molto violento sui principali indici di borsa nel mondo. Forse nel breve periodo alcuni movimenti, acquirenti o venditori, possono svilupparsi per tornare alla normalità nei prossimi giorni. Dove, ancora una volta, possono essere i valori del settore bancario la più colpita nelle azioni internazionali. In un anno in cui sono chiaramente rimasti indietro rispetto ad altri segmenti di business, come l'elettricità.

Mentre d'altra parte, è anche necessario sottolineare che il settore finanziario mostra prezzi quasi ai minimi storici. Ma potrebbe essere un grave errore aprire posizioni perché i loro prezzi possono scendere anche più in basso di quanto siano al momento. Da questo punto di vista, non si può dire che i loro prezzi siano convenienti nell'attuale contesto internazionale. Non invano, ce ne sono molti domande da risolvere da ora in poi. E per questo non ci sarà altra scelta che essere assenti dalle loro posizioni almeno per i mesi che restano fino a fine anno.

Effetto leggermente rialzista

In linea di principio, un calo dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve degli Stati Uniti potrebbe avere un effetto moderatamente rialzista sui mercati azionari. Ma con una durata molto limitata poiché potrebbe essere ridotta a poche sessioni di trading e poco più. A meno che il calo dei tassi negli Stati Uniti non sia stato di intensità non prevista dai principali analisti finanziari. In tal caso, non c'è dubbio che si verificherebbe un altro scenario molto diverso da quello indicato in queste informazioni.

C'è una regola d'oro nei mercati azionari che dice che la caduta dei tassi di interesse favorisce il rialzo dei mercati azionari. Tra gli altri motivi, perché esiste un file maggiore liquidità per fare investimenti nelle diverse attività finanziarie. Tra questi, l'acquisto e la vendita di azioni in borsa. Che è, in fondo, ciò che interessa ai piccoli e medi investitori. Al di sopra di altre serie di considerazioni tecniche e forse anche dal punto di vista dei fondamentali dei valori di borsa.

Cambiamento di tendenza negli indici

In ogni caso, tutto sembra indicare che si sta verificando un'inversione di tendenza nei mercati azionari di tutto il mondo. Per passare da rialzista a ribassista, come evidenziano alcuni indicatori di particolare rilevanza. Sarebbe l'occasione per farlo raccogliere i frutti per le persone che hanno i loro investimenti in territorio positivo. Soprattutto prima dell'arrivo delle prossime vacanze estive. Pochi mesi non certo molto sensibili allo sviluppo di rialzi significativi degli indici azionari. Se non il contrario, come è successo negli ultimi anni.

Mentre dall'altra bisogna contare anche sul netto rallentamento che esiste nelle principali economie del mondo. È molto strano che le scorte siano rimaste a livelli così elevati nella prima metà di quest'anno. Dove, ad esempio, lo Ibex 35 è ancora in piedi sopra 9.000 punti e con una piccola rivalutazione quest'anno. Nonostante le cadute nelle ultime settimane dalla resistenza che si aggira intorno ai 9.400 e 9.500 punti.

Optare per azioni difensive

Secondo il parere di buona parte degli analisti finanziari, tutto sembra indicare che alla fine la via al ribasso potrebbe essere la risoluzione nei mercati azionari. Per questo motivo consigliano di prendere posizioni in valori più difensivi che possono assumere un comportamento migliore rispetto al resto. In ogni caso, tutto indica che la svolta al ribasso sembra essere questione di giorni, settimane o forse qualche mese. A seconda delle tante variabili che si potranno sviluppare da questi precisi momenti e che saranno quelle che determineranno l'intensità di questi movimenti nei mercati finanziari.

Né si può dimenticare che le azioni statali hanno raggiunto i massimi storici fino a pochi giorni fa. Sotto un tendenza rialzista iniziato nel 2013 e che non ha smesso di crescere in questo lungo periodo di tempo. Nonostante il fatto che le correzioni logiche siano state apportate nella conformazione dei loro prezzi.

Emissione di titoli nella zona euro

Secondo la Banca di Spagna, il tasso di crescita su base annua del saldo in essere dei titoli di debito emessi da residenti nell'area dell'euro è stato di 2,3 nell'aprile 2019, rispetto al 2,4% a marzo, secondo la Banca di Spagna. Mentre d'altra parte, e per quanto riguarda il saldo in essere delle azioni quotate emesse da residenti nell'area dell'euro, il tasso di La crescita su base annua è diminuita dallo 0,4% registrato a marzo 2019 fino allo 0% ad aprile.

Le emissioni lorde di titoli di debito da parte dei residenti nell'area dell'euro sono state pari a 634,5 miliardi di euro ad aprile 2019. Gli ammortamenti sono stati di 650,8 miliardi di euro e le emissioni nette sono state di -16,2 miliardi di euro. Il tasso di crescita su base annua dell'importo in circolazione dei titoli di debito emessi da residenti nell'area dell'euro si è attestato al 2,3% nell'aprile 2019, rispetto al 2,4% a marzo. Dove, il tasso di variazione interannuale del saldo in essere dei titoli di debito a lungo termine a tasso di interesse variabile si è attestato a -1,8% ad aprile 2019, rispetto al -2,7% registrato a marzo. Il tasso di La crescita su base annua è diminuita dallo 0,4% registrato a marzo 2019 fino allo 0% ad aprile.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.