Che cos'è il pensionamento parziale per i lavoratori autonomi

Che cos'è il pensionamento parziale per i lavoratori autonomi

I lavoratori autonomi hanno alcuni vantaggi rispetto ai lavoratori dipendenti. Ma anche molti svantaggi e la pensione era uno di questi. O è. Infatti, una domanda che molti si pongono, che è il pensionamento parziale per i lavoratori autonomi, non sanno se potranno accedervi oppure no.

Se sei un lavoratore autonomo e vicino ai 60 anni, potresti aver preso in considerazione l'idea di andare in pensione parzialmente lasciare gradualmente il lavoro e che non sia un trauma per te. Ma puoi accedervi come libero professionista? Ti permettono di lavorare e contemporaneamente riscuotere una pensione? Te lo diciamo allora.

Cos'è il pensionamento parziale

Cos'è il pensionamento parziale

Secondo la stessa Social Security, sul suo sito web ci offre una solida definizione di cosa sarebbe il pensionamento parziale. Nello specifico, ci dice che:

«Si considera pensionamento parziale quello iniziato dopo il compimento dei 60 anni di età, contestualmente ad un contratto di lavoro part-time e legato o meno ad un contratto di agevolazione stipulato con un lavoratore disoccupato o che ha un contratto con l'azienda a tempo determinato» .

In altre parole, possiamo dirlo il pensionamento parziale è quello in cui, all'età di 60 anni, un lavoratore può decidere di continuare con un lavoro a tempo parziale e percepire la metà del beneficio pensionistico.

Che cos'è il pensionamento parziale per i lavoratori autonomi

È ovvio che il pensionamento parziale e il lavoro autonomo saranno gli stessi. Ma è degno di nota non è stato fino al 2013 che gli è stato garantito questo ritiro. Prima di questa riforma, i lavoratori autonomi non potevano andare in pensione anticipatamente o parzialmente; dovevano raggiungere l'età per percepire la pensione di vecchiaia.

Tuttavia, con la legge 1 aprile 2013, che è arrivata a riformare parte degli articoli del sistema pensionistico, erano già stati inseriti sebbene fosse piuttosto vago e confuso sapere quali fossero i requisiti o se fosse possibile accedere o meno a questo tipo di ritiro parziale.

Naturalmente, seguendo le indicazioni della previdenza sociale, nei beneficiari di pensionamento parziale non si fa menzione dei lavoratori autonomi o autonomi, quindi sorgono ancora più dubbi. Cercando un po' di più sul web, vediamo che potrebbe essere riconosciuto ma lo è in attesa di sviluppo normativo, quindi in molti casi potrebbe non essere ancora possibile eseguirlo.

Requisiti per il pensionamento parziale per i lavoratori autonomi

Requisiti per il pensionamento parziale per i lavoratori autonomi

Secondo il Articolo 318 del Testo Unico della Legge Generale della Previdenza Sociale, i lavoratori autonomi possono avere un pensionamento parziale. Tuttavia, non essendoci uno sviluppo normativo, ufficialmente questo tipo di pensionamento non è disponibile per i lavoratori autonomi.

Che cosa significa? Ebbene, sebbene per legge (del 2013) sia stabilito che possano accedervi, non essendoci un regolamento e non è stato ancora fatto, non può essere richiesto ed è a disposizione solo dei dipendenti.

Nel caso lo mettano, due dei requisiti che dovrebbero essere soddisfatti sono:

  • Hanno raggiunto l'età adeguata per richiedere il pensionamento parziale. In questo caso, avendo raggiunto l'età di 60 anni.
  • Non aver beneficiato in precedenza di pensionamento anticipato o scontato. Nel caso di lavoratore autonomo, si tratta di aver lavorato abbastanza a lungo da raggiungere il 100% della pensione.

Quali vantaggi comporta il pensionamento parziale per i lavoratori autonomi?

Quali vantaggi comporta il pensionamento parziale per i lavoratori autonomi?

Il fatto di poter abbinare un lavoro con una pensione ha molti vantaggi per i lavoratori autonomi. Tra questi, possiamo evidenziare:

Che non ci sia un drastico cambiamento nello stile di vita

Immagina di aver lavorato tutta la vita e, durante la notte, ti dicono che non puoi più lavorare perché sei in pensione e non è più il tuo lavoro. La cosa più normale è che hai un lavoro da "scimmia" e ti senti anche inutile.

D'altra parte, con il pensionamento parziale quello che ottieni è quella persona Posso continuare a lavorare ma anche avere del tempo libero che a poco a poco sta occupando. Così, quando arriva il pensionamento completo, non si sente messo da parte come se non ci fosse più, ma potrebbe aver trovato altri modi per continuare a sentirsi utile.

Continuare a contribuire per compensare la pensione

Nel caso dei lavoratori autonomi, che spesso contribuiscono per tutta la vita alla base minima, questo li aiuta migliorare la pensione verso il pensionamento completo.

Il governo risparmia il 50% delle pensioni

Poiché il pensionamento parziale implica il pagamento solo della metà della pensione, il governo ne guadagna perché finché continuerai a lavorare dovrai anche pagare le tasse e non solo risparmi, ma guadagni anche soldi (anche se sono meno, è un reddito).

Tieni presente che il contributo che deve essere versato alla Previdenza Sociale durante la partecipazione al pensionamento parziale è dell'8%.

La grande differenza tra la pensione per dipendenti e PMI e gli autonomi

Nonostante la riforma del 2013 sia stata abbastanza positiva per i lavoratori autonomi, la verità è che c'è ancora una grande differenza tra le pensioni dei lavoratori autonomi e quelle salariate (dipendenti).

Mentre la pensione media di un lavoratore è di 1155 euro al mese, quella delle PMI e dei lavoratori autonomi è la metà, 635 euro. Ed è qualcosa che, nonostante non si veda, c'è e nel caso della Spagna sono i lavoratori autonomi e le imprese che sostengono il sistema economico in cambio dei loro profitti (tenere presente che, in genere, ogni tre mesi , il Tesoro può trattenere un mese di reddito da un lavoratore autonomo). E questo senza mettere altre tasse.

Pertanto, e Nonostante il pensionamento parziale sia stato raggiunto (non è ancora disponibile), permane un ampio divario tra i lavoratori autonomi e i salariati al punto da essere diversi in materia di lavoro che dovrebbero avere uguaglianza.

Cosa ne pensi del pensionamento parziale dei lavoratori autonomi?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.