Qual era il commercio triangolare

significato del triangolo commerciale

Un vasto fenomeno storico, una rotta commerciale stabilita nell'Oceano Atlantico, funzionante dal XV al XX secolo, questo e altro era il commercio triangolare.

In questo articolo daremo una visione del passato che potrebbe essere contrapposta al presente, permettendoci di analizzare un evento su larga scala con rilevanza globale che interessa ancora oggi.

Questo evento prende il nome a causa della forma del triangolo che ha disegnato sulla mappa il suo orientamento, percorso e dimensioni geografiche; coinvolgendo tre continenti.

Questo tipo di fenomeno e la pianificazione delle sue rotte transoceaniche influenzeranno in modo decisivo l'attuale economia mondiale?

Oggi possiamo dire che l'economia mondiale moderna è essenzialmente una conseguenza in gran parte dei viaggi di scoperta europei compiuti nel XV e XVI secolo.

L'importanza dello scambio commerciale tra i paesi divenne rilevante anche prima che iniziasse il commercio triangolare, situato a quel tempo in diversi continenti.

Guardando indietro alla storia

commercio triangolare che cos'è

Sin dai tempi antichi, quasi immemorabile, la schiavitù è esistita in varie forme e tipologie, in un modo o nell'altro è sempre stato presente nelle dinamiche di vita del genere umano, soggiogante e opprimente.

Romani, Greci, Babilonesi o Egiziani, usati come schiavi di moltitudini nelle città conquistate; in molte occasioni individui che non pagavano i propri debiti o semplicemente perché inquadrati nella categoria dei popoli barbari; considerati inferiori e meritevoli di tali azioni nei loro confronti secondo la filosofia di vita e l'analisi di milioni di persone.

Nel Medioevo emersero le reti di tracce arabe destinate al trasferimento degli schiavi dall'Africa centrale, dalla rete del Nilo, da quella dei grandi laghi e da altre regioni.

Quando l'America viene scoperta dall'Occidente, il commercio indiano è stabilito su scala colossale. Il portoghese e lo spagnolo già nel 1493 divisero il Nuovo Mondo e iniziarono un approccio sproporzionato per sfruttare queste regioni.

In molte di queste aree geografiche, in particolare nelle Antille, le popolazioni furono decimate a seguito delle guerre tipiche di questi eventi, delle malattie che erano state importate dall'Europa e, in generale, a seguito degli abusi e dei maltrattamenti a cui sono stati smascherati in modo brutale.

Era urgentemente necessaria una forza lavoro robusta, abbondante ed economica, per la necessità di sfruttare le terre d'America, le sue miniere d'argento e d'oro, oltre a tutto lo scenario promettente che si poteva percepire sotto diversi aspetti economici.

C'erano già raccomandazioni per procurarsi schiavi africani, la cui natura energica era ben nota, e avrebbe fornito garanzie di risposta al lavoro estremo e forzato che era stato pianificato e riconosciuto doveva essere fatto.

Nel secolo successivo, anche gli inglesi intraprendono il loro galoppo, prendendo di mira le colonie americane, seguite da alcune nazioni europee come Danimarca, Francia e Paesi Bassi. Nel 1685, Colbert normalizzò la schiavitù e fu proclamato il primo codice nero, rendendo la schiavitù largamente ufficiale in questo modo.

Si poteva allora affermare che il fenomeno della schiavitù, la cui primaria influenza in questo contesto si ripercosse sulla comunità indiana prima e poi su quella africana, stava cambiando natura.

Con uno sviluppo vertiginoso si sta sviluppando il “commercio triangolare”, la tratta degli schiavi.

Catturati e venduti sono donne, uomini e bambini. La cifra importante e rilevante di 25-30 milioni di persone è il numero gestito di esseri umani che sono stati allontanati con la forza dai loro territori, senza entrare in questo calcolo le innumerevoli morti sulle navi e negli scontri nei processi di cattura e guerre correlate, che aggiungerebbero un maggior numero di esseri umani colpiti.

Commercio triangolare: un viaggio a tre vie

Il commercio triangolare iniziò principalmente nell'Europa occidentale, in paesi come Francia, Olanda, Inghilterra e Portogallo, con varie forniture e produzioni, raggiungendo la costa occidentale dell'Africa tra i fiumi Senegal e Congo, dove allora si scambiavano prodotti come specchi, tessuti economici, campane ecc. Una volta lì, venivano caricati schiavi neri, forniti da mercanti locali ed élite.

commercio triangolare mondiale

Con vicino scalo nelle isole delle Antille o sulla costa americana, Si vendevano schiavi europei e merci, caricare le navi in ​​Europa con prodotti come metalli preziosi, cacao, tabacco e zucchero.

Questo modello di commercio attraverso l'Atlantico, che era prevalente poco dopo la scoperta e continuò fino allo scoppio della guerra civile americana, ha coinvolto in modo sintetico i seguenti aspetti.

  • Sviluppa l'esportazione di schiavi dal continente africano al Nuovo Mondo. Già sul suolo americano, i gruppi ridotti in schiavitù erano costretti a lavorare nei campi producendo cotone, zucchero e altri tipi di prodotti di base.
  • Esportazione in Europa dei prodotti di base prodotti e delle materie prime. Molte delle merci sono state scambiate secondo diversi modelli commerciali e hanno anche preso parte ai processi di produzione.
  • Parte della produzione di manufatti dalle dinamiche impiantate veniva esportata in Africa, dove venivano scambiati con loro e veniva effettuato il pagamento degli schiavi.

La rotta presentava vantaggi tecnici e prestazionali per le navi marittime, data la circolazione cellulare dei venti e delle correnti oceaniche esistenti intorno all'anticiclone delle Azzorre.

Questa conoscenza pratica della navigazione fu possibile adattare e sfruttare, dopo le scoperte nel campo della geografia avvenute alla fine del XV secolo.

In questo tipo di commercio c'era una continua ricerca di efficienza nelle operazioni e nella logistica generale del processo, trend che attualmente si mantiene negli scambi a livello globale e in quelli che lo determinano e lo sviluppano.

Una sola nave era in grado di completare l'intero circuito da Liverpool trasportando spiriti, armi e tessuti; dirigendosi verso i punti chiave della costa occidentale africana, essendo questa la tappa principale. Iniziò quindi la seconda tappa della rotta, attraversando l'Oceano Atlantico carichi di schiavi diretti alle Isole Antille o alla costa americana.

Giunti in questa destinazione, gli schiavi venivano scambiati e le navi venivano ricaricate con tabacco, cotone, zucchero, ecc., Ritornando al porto originario.

Sebbene questa fosse fondamentalmente la filosofia del commercio triangolare, optare per la specializzazione era una tendenza una volta fatti i primi viaggi. Era un commercio di così tanto volume e valore che era del tutto razionale costruire navi che coprissero ogni tappa del viaggio in modo specializzato.

In ogni caso, il termine "commercio triangolare" era l'ideale per rappresentare lo scambio tripartito che si realizzava tra schiavi, manufatti e materie prime; senza dover considerare esattamente la forma di trasporto e le sue caratteristiche specifiche.

Un rapporto commerciale di questo livello e tipo ha avuto un impatto significativo con conseguenze di vasta portata sullo sviluppo economico differenziato delle aree interessate.. In questo modo è stato esemplificato il “commercio coloniale”, la metropoli beneficia del valore aggiunto della produzione industriale che possedeva, essendo la colonia soggetta al meccanismo del patto coloniale, con una funzione di mercato prigioniero.

Danneggiando a grandi livelli e facendo precipitare il continente africano in secoli di arretratezza economica e caos politico, la schiavitù era tremendamente dannosa per questa regione del pianeta. Successivamente, la colonizzazione formale seguì la cosiddetta divisione dell'Africa nel XNUMX ° secolo, quando la tratta degli schiavi era stata abolita su scala globale, gli effetti devastanti non furono rimediati nemmeno dopo la decolonizzazione del XNUMX ° secolo.

commercio triangolare

All'epoca in cui si stava sviluppando il commercio triangolare, come nel presente, c'era la pressione per abbassare i costi aumentando la qualità, causando importanti determinazioni e decisioni da prendere.

I collegamenti intercontinentali erano ancora più estesi di quelli riflessi nella rappresentazione grafica dei tre lati del triangolo. L'Asia come quarto continente era inclusa nelle spedizioni, poiché i tessuti che venivano scambiati per schiavi nella regione africana provenivano proprio dall'India, da lì venivano esportati da società francesi e britanniche che si erano stabilite nell'area.

Si osserva in questo comportamento o strategia commerciale inquadrata nel commercio triangolare, somiglianze con il commercio corrente.

Oggigiorno, aziende e imprenditori del settore tessile di successo internazionale si rivolgono ai paesi asiatici per stabilire le loro produzioni, ottenendo benefici in diversi settori come il basso costo del lavoro, l'applicazione di normative meno impegnative rispetto ai loro paesi di origine, una notevole vicinanza alle fonti di le materie prime che verranno utilizzate, e non di rado di qualità superiore a quelle che si trovano in altre regioni.

Oggi è possibile osservare una complessità a livello globale nella sfera economica, che è riflesso in sé del tipo di scambio a grandi livelli e scala che il commercio triangolare possedeva a suo tempo.

Una delle grandi differenze esistenti oggi, relativa al commercio globale in quel momento; ha a che fare con il flusso di informazioni.

I progressi degli strumenti tecnologici odierni, Internet e il flusso di dati, offrono servizi agli attori del commercio a livello globale in modo che possano possedere ed elaborare un livello di informazioni che faciliti il ​​processo decisionale e la possibilità di ridurre al minimo i rischi., Con una precisione sorprendente.

Mettere in prospettiva e ispirarsi a ciò che era il commercio triangolare e alla sua influenza sul commercio moderno, ci fa meravigliare Con quali trasformazioni si pongono oggi le basi per i nuovi modelli di scambio commerciale che avverranno in futuro?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.