Come sarà la ripresa dell'economia?

Ci sono state infinite speculazioni sul tipo di rimbalzo che avrà l'economia statunitense. Sarà un rapido recupero a forma di V o un lungo periodo tra il calo e il successivo recupero (a forma di U)? Altre possibili forme di recupero sono state confrontate con le lettere "W" e "L".

In realtà, questa zuppa di alfabeto "alla fine conta molto poco", secondo Vincent Deluard, capo della macro-strategia globale presso la società di investimento INTL FCStone. In una e-mail, ha detto che gli investitori non dovrebbero scoraggiarsi da questo, perché, osserva, "le previsioni economiche, un esercizio pericoloso nella migliore delle ipotesi, sono ancora più inutili oggi: non abbiamo idea se ci sarà una seconda ondata di infezioni o no, inflazione o deflazione, recessione del bilancio o giubileo del debito, ecc. «

Pertanto, sapere che le previsioni non differiscono molto dalle nostre strategie di investimento dovrebbe essere rassicurante. Semmai, la recessione del coronavirus potrebbe già essere finita, ma è una lunga ascesa verso la "normalità".

PIL in questo trimestre

Deluard ha raggiunto le sue conclusioni controintuitive nel calcolare il rendimento di un ipotetico investitore che era in grado di prevedere quale sarebbe stata la cifra finale del PIL con quattro trimestri di anticipo. Ciò comporta un livello incredibile di chiaroveggenza, ovviamente, poiché è molto tempo dopo la fine di un certo trimestre che il governo raggiunge la cifra finale del PIL per quel trimestre.

Tuttavia, Deluard ha scoperto che questo ipotetico investitore, nonostante possieda un'incredibile chiaroveggenza, negli ultimi sette decenni avrebbe a malapena superato una semplice strategia di acquisto e possesso.

In particolare, ha ipotizzato che questo investitore sarebbe stato investito al 100% se la crescita del PIL nei quattro trimestri successivi fosse stata più rapida di quella del trimestre in corso; altrimenti investiresti in contanti. Dalla fine degli anni '40, questo investitore avrebbe sovraperformato l'S & P 500 SPX, + 0,43% di meno di un punto percentuale annualizzato. Questa è una piccola ricompensa per essere un informatore perfetto, soprattutto perché le probabilità sono sconcertanti che le nostre previsioni cadranno lontano, lontano dall'essere perfette.

Considera cosa significano le scoperte di Deluard per la nostra attuale situazione di incertezza, in cui non sappiamo veramente quanto velocemente stia crescendo l'economia. Ma avremmo un vantaggio minimo sui nostri colleghi investitori anche se sapessimo ora che la crescita economica accelererà nel secondo trimestre del 2021.

Perché la conoscenza del futuro tasso di crescita dell'economia è così poco importante? Deluard sostiene che è perché i margini di profitto e i rapporti P / E contano molto di più. Dopotutto, l'economia può crescere a un ritmo rapido, ma se i margini di profitto si riducono, la crescita non si tradurrà in un aumento dei profitti. E i guadagni in rapida crescita non possono sempre superare un calo del P / E.

Guadagni futuri delle aziende

Questo ruolo eccessivo svolto dal rapporto P / E è legato al tasso di sconto che gli investitori utilizzano - esplicitamente o implicitamente - quando valutano i guadagni futuri delle aziende. Con un alto tasso di sconto, i profitti negli anni futuri significano relativamente poco per la valutazione corrente di un'azienda. Con un basso tasso di sconto, contano molto di più. In effetti, Deluard ha recentemente dimostrato che, a seconda del tasso di sconto utilizzato, l'S & P 500 è ora abbastanza valutato tra 1.851 e 3.386.

Non sorprende che, come ha detto Deluard, conoscere in anticipo il tasso di crescita del PIL sia "notevolmente inutile". Niente di tutto questo per dire che l'economia non ha importanza. È importante, ovviamente. Ma il tuo impatto è maggiore quando ti concentri sul mercato azionario a lungo termine. In periodi più brevi, l'economia gioca un ruolo minore rispetto ai margini di profitto e ai tassi di sconto legati alla valutazione.

Questa discussione mette in prospettiva anche il recente dibattito sull'apparente scollamento tra mercato azionario ed economia. Ciò che la ricerca di Deluard mostra è che questa disconnessione non è né nuova né particolarmente maggiore ora che negli anni passati.

Gli investitori si aspettano una rapida ripresa economica poiché il NASDAQ 100 raggiunge un nuovo massimo e l'S & P 500 elimina le perdite annuali. L'indice di riferimento S&P 500 è sceso di quasi il 34% dai massimi di febbraio ai minimi di marzo, spingendo i mercati in territorio ribassista. L'aumento dei titoli tecnologici e delle comunicazioni ha aumentato gli utili del NASDAQ, con aziende come Zoom che hanno quasi triplicato il prezzo delle azioni dall'inizio di gennaio, poiché il blocco ha costretto i consumatori ad abbracciare nuove forme di comunicazione.

Il nuovo mercato rialzista è stato confermato solo 16 settimane dopo che i timori di COVID-19 hanno visto gli investitori vendere i loro asset quando si temeva una recessione negli Stati Uniti.

Il NASDAQ è salito del 44,7% dal minimo del 23 marzo. Un mercato rialzista è generalmente considerato un aumento di oltre il 20% dal punto più basso.

David Bassanese, capo economista di BetaShare, ritiene che i mercati potrebbero essere eccessivamente ottimisti dopo aver oscurato i massimi precedenti.

In definitiva, sospetto che i mercati saranno eccessivamente ottimisti sulla velocità della ripresa economica, ma i mercati sono in ultima analisi guidati dal flusso quotidiano di notizie, che è rimasto generalmente incoraggiante da quando sono state introdotte. Le chiusure globali sono in corso ", ha detto.

Dati economici negativi

"Dopo tutto, il mercato aveva effettivamente scontato i dati economici negativi relativi al blocco durante la vendita di marzo, ed era quindi immune a questi dati quando ha iniziato a comparire negli ultimi mesi", ha spiegato Bassanese.

Quando l'economia inizia a riaprirsi, l'economista sostiene che un quadro più chiaro delle prospettive economiche avrà un impatto sul mercato azionario.

“Il mercato ha saputo concentrarsi sui benefici delle chiusure in termini di appiattimento della curva, graduale riapertura e ora alcuni primi segnali di rimbalzo negli ultimi dati economici. Ma la sfida arriverà dopo il rimbalzo iniziale dei dati economici post-riapertura, se i dati post-riapertura saranno molto più sommessi, come penso che sarà.

"È probabile che il mercato continui ad agire come se ci fosse un rally a V fino a quando non ci saranno prove più chiare del contrario", ha continuato Bassanese.

Un importante impulso per il mercato è stato il rapporto mensile sull'occupazione di venerdì, che ha mostrato un calo inaspettato del tasso di disoccupazione, rafforzando le opinioni secondo cui il peggiore dei danni economici dall'epidemia di virus era passato.

Le azioni che in precedenza erano state colpite più duramente dalla chiusura, inclusi i trasporti, il turismo e l'industria al dettaglio, sono aumentate mentre gli investitori diventano ottimisti su un mondo limitato dopo il COVID-19. "Ciò che sta chiaramente accadendo è che l'entusiasmo della riapertura sta permettendo a molte di queste attività che sono state vittime del COVID-19 di tornare e tornare in vigore", ha affermato Stanley Druckenmiller, Presidente e CEO del Duquesne Family Office., alla CNBC.

Tuttavia, il signor Bassanese ha avvertito gli investitori australiani di essere cauti e pazienti quando investono nel mercato statunitense.

“Penso ancora che sia ora di essere cauti, soprattutto se non hai ancora preso in grande considerazione il recente rally azionario. La paura di perdersi è ora intensa, ma sospetto che nei prossimi mesi potrebbe verificarsi un discreto ritiro - almeno metà del rally dalla fine di marzo - quando la realtà di una moderata ripresa economica diventerà evidente ", ha detto Bassanese.

I forti risultati internazionali hanno rafforzato le azioni nazionali e il mercato australiano è in rialzo del 2,48% al momento della stampa.

Tendenza ribassista nel mercato azionario

Gli investitori sono nettamente ribassisti, con il 75% che prevede una ripresa a forma di U o W dalle ricadute economiche della pandemia di coronavirus, rispetto al solo 10% che si aspetta una forma a V, secondo l'ultimo sondaggio dei gestori. Bank of America Global Fund Fund . Una seconda ondata di coronavirus è di gran lunga il più grande rischio di coda, con il 52% dei manager intervistati che lo cita, mentre la disoccupazione permanentemente alta (15%) e la disintegrazione dell'Unione europea (11%) occupano il secondo e il terzo posto.

I manager respingono le preoccupazioni dei venditori mentre le azioni statunitensi si avvicinano ai massimi della bolla tecnologica. La cura non deve essere peggiore della malattia

I fondi multi-manager riducono l'esposizione azionaria al livello più basso. I livelli di liquidità sono scesi leggermente al 5,7% dal 5,9% di aprile, ma sono ancora ben al di sopra della media degli ultimi 10 anni del 4,7%, indicando che un "segnale di acquisto" è una contro scommessa.

In linea con questo investimento "estremamente ribassista", gli intervistati sottopongono attività cicliche, come energia e industrie, e sono attività difensive in sovrappeso, come sanità, liquidità e obbligazioni. L'argomento valore contro crescita è tornato ai livelli pre-crisi finanziaria globale, con il 23% al netto degli investitori che ritengono che il titolo sottoperformerà la crescita, un dato visto l'ultima volta nel dicembre 2007.

Opinione degli investitori

La maggioranza netta dei gestori (63%) ha affermato che le società sono eccessivamente indebitate, sostenendo l'opinione che gli investitori vogliono che le società spendano i loro soldi per migliorare i bilanci, con un 73% netto che lo prevede, mentre il 15% vuole un aumento degli investimenti e il 7% voglio che il denaro sia restituito agli azionisti.

L'euro sembra a buon mercato per gli intervistati, con il 17% netto che suggerisce che la valuta è sottovalutata, mentre il 43% netto ritiene che il dollaro sia sopravvalutato, sebbene l'esposizione alle azioni statunitensi rimanga al 24% netta in sovrappeso mentre le azioni dell'Eurozona sono sottopeso (17% netto), il loro più basso assegnazione da luglio 2012.

Nonostante ciò, il Regno Unito è stata la regione più sottopeso nel sondaggio di questo mese sui gestori di fondi globali, con un sottopeso netto del 33%. Mentre d'altra parte va ricordato che il riordino della filiera, l'aumento del protezionismo e le nuove forme di maggiori tasse, occupano il primo posto nelle liste degli investitori sul cambiamento strutturale nel mondo post-Covid, citato 68 Rispettivamente%, 44% e 42% del tempo.

Anche la rinuncia al debito, l'energia verde, la stagflazione e il reddito di base universale figurano nella lista dei probabili cambiamenti post-pandemici di questo mese.

Risparmio sulle commissioni

Soprattutto gli investitori che svolgono molte operazioni all'anno, sia rivolte al breve, medio o lungo termine, possono usufruire dei tassi di borsa flat che stanno cominciando a commercializzare sempre più istituzioni finanziarie e, che consentono notevoli risparmi in termini di commissioni per le operazioni eseguite. La sua tariffa oscilla tra i 6 ei 10 euro al mese, e per una persona che compie quattro operazioni al mese in totale, ad esempio, il risparmio può significare in media circa 30 euro al mese, il che aiuta anche a ottimizzare l'investimento. La tariffa flat in borsa consente all'utente di effettuare tutte le operazioni di compravendita che desidera, come nel caso delle tariffe telefoniche o Internet. Sebbene la sua applicazione non sia molto diffusa nel settore finanziario, copre principalmente banche e casse di risparmio che operano tramite Internet e brokers, sia nazionali che internazionali, che sono quelle che offrono le migliori condizioni.

In ogni caso, non si può dimenticare che un buon acquisto in borsa significa fare molti progressi in modo che i risultati sotto forma di plusvalenze non tardino ad arrivare, ma per questo è necessario prendere una serie di linee guida e anche precauzioni con l'obiettivo che una cattiva posizione potrebbe appesantire il nostro investimento in futuro, anche a costo di svilupparsi in un periodo rialzista.

Prima di prendere posizione in un titolo, è opportuno studiarne l'aspetto tecnico e fondamentale, per non lasciarlo ad una scelta casuale che può portare solo problemi agli interessi dei piccoli e medi investitori, principalmente sotto forma di handicap.

Entrare nei settori giusti semplifica l'attività di selezione quando si costruisce un portafoglio, poiché probabilmente catturerà un sentimento di mercato positivo, qualunque sia la scommessa scelta, purché i dati fondamentali delle società siano positivi.

Nelle tendenze al rialzo, una regola molto comune tra gli investitori più esperti è quella di attendere che i tagli dei prezzi delle aziende entrino nel mercato a prezzi più competitivi, cosa che può portare ad una maggiore tendenza al rialzo del prezzo. Valore e, quindi, maggiore possibilità di rivalutazione. Questi tagli specifici si verificano quando c'è una certa "fatica" nelle posizioni di acquisto e le vendite iniziano a fluttuare, cioè quando il mercato è ipercomprato e necessita di un aggiustamento dei prezzi per continuare la sua ascesa. Queste "interruzioni" nella sua quotazione di prezzo, in cui iniziano ad emergere le vendite, si verificano più volte durante un processo rialzista, anche gli analisti del mercato azionario lo descrivono come "movimenti di mercato completamente sani"Questo serve affinché gli indici, i settori o le azioni acquisiscano maggiore forza nelle prossime sessioni di negoziazione. Sono particolarmente adatti per quegli investitori che puntano a un termine più breve e vogliono ottenere tutto il loro "succo" dai movimenti al rialzo sperimentati dalle azioni. Al contrario, hanno poca efficacia per chi sceglie il proprio investimento nel medio e lungo termine poiché la loro ripercussione non sarà altrettanto efficace.

Acquisto di azioni vicine ai loro prezzi di supporto: Attraverso i grafici sarà possibile controllare i valori che si trovano in questa situazione, per poi rivenderli in zona di resistenza, o anche nel caso in cui i supporti siano rotti. È una delle strategie più semplici che vengono utilizzate in borsa, anche se per questo è necessario mantenere un tempestivo monitoraggio dell'evoluzione dei prezzi dei possibili candidati che possono far parte del portafoglio titoli.

Titoli che hanno toccato il fondo: È uno degli scenari ideali per qualsiasi investitore che abbia a che fare con gli acquisti, anche se ha il grave svantaggio che è molto difficile per i risparmiatori al dettaglio scoprire questo punto esatto e devono essere aiutati dalle analisi condotte dai principali intermediari o brokers finanziaria, pubblicati sui media specializzati. Prima di prendere posizione in un titolo, è opportuno studiarne l'aspetto tecnico e fondamentale.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.